I did it my way. Il mio itinerario.

I traveled each and ev’ry highway  And more, much more than this, I did it my way
(Ho viaggiato su tutte le strade. Ma più. Molto più di questo. L’ho fatto alla mia maniera)

Fare promozione turistica dal basso raccontando luoghi insoliti. Si potrebbe sintetizzare così la mission di itineranda, un portale web che raccoglie, come dice il nome, gli itinerari di viaggio dei suoi visitatori permettendo a ciascuno di caricare la propria esperienza di vacanza fatta di foto e parole, tag e mappe.

itineranda

www.itineranda.com

L’idea, nella sua semplicità, è geniale: portare il meccanismo della condivisione sui social network su un portale dedicato al turismo locale. Ogni contributo è una proposta di viaggio direttamente raccontata da chi lo ha fatto: innanzitutto una galleria di immagini che si possono catalogare in tag permettendo all’utente di visualizzare quelle dedicate ad un particolare argomento; poi una descrizione per mettere in parole quello che le immagini da sole non posso dire; non può mancare la mappa che localizza l’itinerario; infine la possibilità di contattare l’autore, chi quel viaggio lo ha fatto.

Gli itinerari sono suddivisi per regioni ed è possibile filtrare i contenuti sia per contributore che per luogo in modo da ottenere una lista di tutti gli itinerari inseriti da Tizio o di tutti quelli relativi ad un determinato luogo. Questo apre alla possibilità di avere il diario di viaggio di un determinato traveller ovvero diversi itinerari relativi alla stessa località, ognuno caratterizzato dalla sensibilità del turista che lo ha fatto.

Dietro il progetto c’è un francese, Eric Delerue, che da 12 anni vive in Sicilia e che ha già dato vita al portale www.globeskipper.net di cui itineranda è una rivisitazione. Cosi ce lo racconta:

“itineranda consente di scoprire luoghi altrimenti sconosciuti e ridare vigore e nuova linfa all’ecosistema (abitanti, guide, associazioni, operatori economici, amministrazioni) che li circondano, rivalorizzando le risorse locali nascoste di storia, cultura e natura
marginalizzate dai circuiti turistici più calpestati.

Con itineranda, gli abitanti diventano testimonial dei propri luoghi e utilizzano internet e i social media per condividere la propria esperienza e riscattare il proprio territorio.

itineranda vuole mettere in scena questo patto di collaborazione bilaterale tra abitanti e turisti, tra patrimonio culturale e storico e attività commerciali, e proporre o ispirare soluzioni alternative più semplici ed economiche.”

Il portale, ancora in versione beta, presto avrà la sua app per essere fruibile anche da smarphone.

Pin It

I commenti sono chiusi.